slide2
slide2
slide2
slide2
slide2
slide2
slide2

«La montagna è scuola di carattere, onestà, solidarietà umana e amore per la natura»

Luigi Bombardieri

La Fondazione

La Fondazione Luigi Bombardieri ha come scopo “educare i giovani alla Montagna” e favorire l’alpinismo. Quest’ultimo inteso non alla stregua di un’attività meramente tecnica, ma come vero e proprio strumento educativo attuato attraverso il rapporto con la Montagna che, nelle parole del suo Fondatore, è “scuola di carattere, di onestà, di altruismo, di solidarietà umana e di amore per la natura”, affinché i giovani possano “... divenire uomini dalle nobili doti e dai sentimenti elevati”.
La Fondazione promuove varie attività (corsi, escursioni, sostegno alle scuole) direttamente rivolte ai giovani e più in generale sviluppa iniziative sulla cultura alpina, organizzando convegni e mostre e curando pubblicazioni.

Scopri di più

News

28/08/2021

Sabato 28 agosto 2021 alle ore 21 a Lanzada, in località Pradasc,
la Fondazione L.Bombardieri, la Sezione Valtellinese di Sondrio del CAI, il Comune di Lanzada, il gruppo A.I.B. di Lanzada organizzano l’evento.

22/07/2021

GIOVEDÌ 22 LUGLIO 2021
ORE 21,15

CINEMA EXCELSIOR SONDRIO
Via Cesare Battisti, 18

 

5/08/2021

“Alt(r)e vie tour - estate 2021”

Rifugio Marinelli-Bombardieri

Il Marinelli Bombardieri è stato il primo rifugio costruito dal Club Alpino Italiano sulle Alpi Lombarde. Venne inaugurato nel 1880 con il nome di Rifugio Scerscen, due anni più tardi venne chiamato Marinelli in onore del suo ideatore, Damiano Marinelli. Testimone di pioneristiche salite nel massiccio del Bernina e soggetto a numerosi ampliamenti (1906, 1915, 1917, 1925 e 1938), dopo la seconda guerra mondiale venne ingrandito ancora per impulso di Luigi Bombardieri, alpinista e scrittore.

Scuole del CAI intitolate a Luigi Bombardieri

2015

Nel 2011, su iniziativa delle sezioni del Club Alpino Italiano Valtellinese e Valmalenco e della Sottosezione di Ponte in Valtellina, nasce la Scuola di Alpinismo Giovanile della Provincia di Sondrio "Luigi Bombardieri".